mercoledì 9 novembre 2011

Report - ottobre 2011

Ed eccomi finalmente qui con il resoconto del mese di ottobre. Nonostante le mie speranze, anche questo mese non è stato buono... I risultati sono ancora peggiori di quelli di settembre.
Ho caricato una serie di nuove immagini, ma visto lo scenario, mi sento un po' sconfortata!
Non ho avuto neppure una licenza estesa, che quando capita riesce a darmi una sferzata di entusiasmo.
Alcuni stock che sembravano essersi svegliati sono ripiombati in un sonno profondo...

Fotolia è l'unico microstock che ha avuto una discreta crescita di downloads e anche una buona percentuale di approvazione dei files caricati!
Dreamstime ha avuto la metà dei downloads rispetto a settembre, ma almeno mi hanno approvato molte foto.
123RF è ancora in calo. Per fortuna un fotografo affiliato ha venduto bene anche questo mese.
iStockphoto ha avuto un mese pessimo ed è calato ancora. Ho l'impressione che da quando hanno introdotto il sistema Photo+ la situazione è drasticamente peggiorata.
Shutterstock è stazionario. Ho avuto solo due O.D. e ancora nessun Single Download che è una novità su questo stock. In pratica si tratta di foto singole acquistate a un prezzo un po' più alto, ma non so di preciso a quanto. Se mai capiterà, lo scoprirò.
Thinkstockphoto (che avevo dimenticato di menzionare nel mese di settembre) non è praticamente degno di nota... Su questo sito convergono le 201 foto che avevo su Stockexpert prima che chiudesse i battenti e 98 (anziche 525!) foto del portfolio di iStockphoto (essendo un sito partner), per un totale di 299 immagini. Nota polemica: non so quante volte ho scritto a iStock per sapere perché le mie foto non migrano tutte sul sito partner, ma non ho ottenuto nessuna spiegazione... no comment.
Veer si è addormentato completamente. Anche le immagini in attesa di revisione sono ferme da quasi un paio di mesi.
Bigstockphoto è calato della metà. Di buono c'è solo che hanno approvato quasi tutte le immagini nuove che ho caricato.
Depositphotos è ancora in leggero miglioramento! Speriamo che continui.
Canstockphoto è in lievissimo aumento.
Yaymicro non da segni di vita, nonostante le immagini comincino a comparire su molti siti partner, tra i quali anche AgePhotoStock. Speriamo in qualche sviluppo.
Zazzle è immobile, ma non sto dedicandogli tempo come sarebbe necessario per avere dei risultati.

La foto del Castello Sforzesco di Milano è disponibile su Dreamstime. Il mio portfolio lo trovate a questo link.
Su Dreamstime c'è anche la mia collezione Milan, Italy che conta 126 immagini scelte tra quelle di vari fotografi. La trovate a questo link.

21 commenti:

  1. Ciao Cristina, ma ti conviene insistere con i siti dove vendi poco e niente?
    Io fossi in taglierei qualche ramo secco...
    Anch'io ho scritto tempo fa ad Istock per il problema che non tutti i miei files sono presenti sui vari PP e mi hanno risposto che c'erano problemi di instabilità del"connettore". Comunque è davvero strana la cosa, ma pazienza, che ci vuoi fare..
    Al momento ho avuto una vendita su Shutterstock con il "single download" e ho preso 4,75$.
    Coraggio e non demordere!

    RispondiElimina
  2. Ciao Cristina ed Anna!
    Io tempo fa ho deciso di tagliare tutte le agenzie tranne Alamy (dove non ho mai venduto nulla ma ho un’altissima percentuale di accettazione) e Shutterstock (era l’agenzia con cui mi sono sempre trovato meglio).
    Una cosa che mi ha lasciato sorpreso: Istockphoto è stata l’unica agenzia che mi ha riconosciuto i guadagni dalle mie foto nonostante non avessi raggiunto il limite per il pagamento.
    Anna complimenti per il single download, a me capitano un paio di on demand al mese ma nessuna enhanced o single download.
    Una domanda: il micro stock è parte integrante del vostro reddito o lo considerate un extra?
    Ieri ho letto un articolo/intervista ad Arcurs il quale affermava che il micro stock è ormai roba da professionisti che si specializzano in questa nicchia. Ne è la prova, secondo lui, che metà del fatturato di Istockphoto deriva dalle vendite dell’1,6% dei fotografi iscritti.
    Io mi accontento di pagarmi qualche piccolo gadget ogni tanto…
    Un saluto ad entrambe!
    Emiliano

    RispondiElimina
  3. Ciao Emiliano,
    ma davvero non ti hanno pagato (a parte Istock) perchè non hai raggiunto il limite minimo?
    Ci puoi fare i nomi di queste agenzie?
    Per quanto riguarda i guadagni anch'io mi accontento di pagarmi qualche piccolo gadget ogni tanto....
    Un saluto.
    Anna

    RispondiElimina
  4. Fotolia e Dreamstime non mi hanno riconosciuto nulla, ad essere sinceri si trattava davvero di pochi dollari ognuna e non me ne sono preoccupato (pensavo che se non raggiungevi almeno una volta il pagamento non avevi questo diritto)...poi Istock mi ha accreditato su Paypal i 15 dollari che avevo fatto con loro ed ho notato il mancato accredito delle prime agenzie...

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna e ciao Emiliano!

    @Anna, forse hai ragione, visto che alcuni stock non hanno praticamente nessun download, forse potrei chiudere gli account, ma poi penso alla fatica fatta per preparare e caricare le immagini e allora mi dico: ma sì, le lascio lì lo stesso che magari, prima o poi qualcosa cambia in meglio!
    Il partner program di iStock è un vero mistero, ma sono stanca di cercare di capire... per la serie: ti prendono per sfinimento!
    Wow, 4,75$ è buono per un 'single download' su Shutterstock! Speriamo che ne arrivi qualcuno!
    Detto ciò, di sicuro so che devo cambiare un po' il genere di immagini se voglio vedere risultati un po' migliori...

    @Emiliano, magari Fotolia e Dreamstime (e 123RF, se eri iscritto) potevi tenerli... sugli altri stock, forde, come suggerisce Anna, non vale la pena, ma come ho scritto sopra, a me spiace "cancellare" tutto il lavoro fatto e perdere anche quei pochi dollari che chissà quando (e se!) raggiungeranno mai la quota per essere riscossi! Sapevo già che se si decide di chiudere l'account per qualsiasi motivo, praticamente tutti gli stock non riconoscono nulla (se non ricordo male, c'è scritto quando ti iscrivi e apri l'account). In questo, almeno, iStock si è dimostrato il più corretto.
    Come avrai già dedotto, per quanto riguarda i guadagni anch'io mi accontento di pagarmi qualche piccolo gadget ogni tanto...
    Mi sarebbe piaciuto vedere una crescita, ma i risultati tardano ad arrivare e, in particolare, gli ultimi due mesi sono stati davvero bassi... Speriamo vada meglio in novembre!

    Buona luce a entrambi! :-)

    RispondiElimina
  6. Aggiungo un piccolo dettaglio che può aiutare Cri nella scelta del taglio dei rami secchi: ho perso mesi per chiudere account come bigstock e canstock perchè impongono regole assurde che quando ti iscrivi (almeno io ho fatto così) non leggi in modo approfondito.
    Ad esempio, non devi aver caricato foto negli ultimi sei mesi oppure per rimuovere la foto non deve aver avuto un download negli ultimi tre (ci manca che devi fare la giravolta).
    Il peggiore di tutti è stato Dreamstime che mi ha consentito di disattivare circa due o tre foto al mese per arrivare a chiudere l'account, sfinito, dopo un sacco di tempo.
    Tienine conto sia per la chiusura dei "rami secchi", ma in quel caso serve solo tanta pazienza, ma soprattutto per la rimozione di un'immagine nel caso tu abbia impostato su qualche agenzia che sei disposta a venderne i diritti (di norma dovresti toglierla dalle altre agenzie entro 24 ore ma di fatto, per alcune foto, io ho potuto farlo dopo mesi).
    Buona luce anche a te!

    RispondiElimina
  7. Sì, per Bigstock lo so, infatti ho passato quasi un anno senza caricare, ma poi ho pensato che adeguando il portfolio, magari si sarebbe visto qualche risultato, ma niente... al massimo 2 dollari al mese, ma quasi sempre un bello zero tondo!
    No, non ho impostato la vendita dei diritti su nessuna agenzia, proprio perché mi sembrava impossibile cancellare una foto al volo come veniva richiesto e, soprattutto, perché non mi piaceva l'idea di non poter più disporre in nessun modo di un mio scatto...
    :-)

    RispondiElimina
  8. Recentemente su Dreamstime mi hanno chiesto la cessione dei diritti di una foto, ma sinceramente non me la sono sentita proprio perchè da una parte anche a me scoccia non poter più disporne ( anche se, nel momento in cui stabilisci il prezzo, poi il cliente potrebbe acquistare i diritti solo per un certo arco di tempo) e poi non potevo certo garantire che non fosse più in circolazione( magari in qualche partner program...)

    RispondiElimina
  9. Anna, mi hai fatto venire in mente che anche a me qualche mese fa è arrivata una mail di Dreamstime con la stessa richiesta... ovviamente non ho accettato :-)

    RispondiElimina
  10. Ciao a tutti...
    il mio "ramo secco" si chiama bigstockphoto. E' lento, pesante e mi vende pochissimo! Sono iscritto a giungo 2010 e sul conto ho 16$!!. Mi guadagna di più Veer in un mese!! (altro microstock che sto pensando seriamente di chiudere). Però, come dice Cris, lo sbattimento è più quello di "tagliarlo" che non quello di abbandonarlo. Non carico + foto da tempo e lo lascio li... a morire.
    Nel caso decidessi di chiuderlo definitivamente basta una mail? (basta lo dico in senso ironico ovviamente!).

    RispondiElimina
  11. Ciao Dam!
    Se devo fare una classifica dei rami secchi, direi anch'io Bigstock, ma anche Thinkstock, Yaymicro e Veer. Se va avanti come in questi ultimi mesi, nella classifica dei peggiori, per me ci finisce anche iStock...

    RispondiElimina
  12. Bellissimi lavori, complimenti.
    Io ho attivi al omento 5 microstock. Sono ancora all'inizio ma tengo duro... ciao

    p.s. se vuoi vedere i miei lavori vai qui:

    http://about.me/danielepietrobelli

    RispondiElimina
  13. Ciao Daniele! Grazie per i complimenti :-)

    Ho dato un'occhiata ai tuoi lavori e mi sembra un buon inizio! In particolare, c'è un tramonto con il molo che è davvero suggestivo, come anche la foto dell'onda ripresa con tempo lungo che la fa sembrare magica. Mi piace molto anche la serie della donna sulla spiaggia, in particolare l'immagine delle gambe con le orme.

    Che dire? In bocca al lupo!
    Se poi hai voglia di usare i banner presenti sul mio blog per iscriverti a qualche altro stock che ti manca, sei il benvenuto! Ciao!

    RispondiElimina
  14. Bei lavori Daniele. Tieni duro che l'inizio è sempre un pò problematico. In bocca al lupo....
    E iscriviti dai banner della Cris!! Mi raccomando!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Dam! Grazie della promozione! Buona lavoro a te! :-)

    RispondiElimina
  16. Grazie per l'incoraggiamento. E' veramente dura all'inizio (fatevelo dire da uno che sta all'inizio :-)
    Ho ancora pochissime foto e infatti i guadagni sono molto miseri (circa 8 euro in 4 mesi)
    Ma comunque, macchina in spalla e via a fare click!!! A presto!!

    RispondiElimina
  17. Sì, all'inizio è dura e dopo... anche! Buoni scatti a te e passa ancora! Ciao

    RispondiElimina
  18. Ho visto per caso il tuo blog, condivido l’analisi, non so cosa intendi per guadagno, ma credo proprio che pubblicando immagini sui vari microstock al dila del gran polverone mediatico resti veramente poco.

    Se vuoi continuare la discussione il mio blog è http://immaginarioweb.blogspot.com/
    la mia mail è alberto.giudici@gmail.it credo sia interessante porre queste questioni al mercato professionale dei fotografi, troppo spesso si sente dire che la realtà è molto migliore ma le conferme sono sempre le stesse.

    IL mercato è difficile e molto meno democratico di quanto si vuol far credere.

    ciao

    Alberto Giudici

    RispondiElimina
  19. Ciao Alberto e grazie per il tuo commento.
    Come hai correttamente intuito, parlare di guadagni, con i microstock è una parola grossa, almeno per me. Alla fine, possono rimanere quattro spiccioli che, oltretutto sono spesso virtuali perché per ricevere un pagamento bisogna raggiungere un tetto di ricavi e in molti microstock questo richiede... anni!
    Quando leggi "guadagni" nei miei post, aimè, si tratta quasi sempre di pochi dollari...

    E' anche vero che in questo ambito ci sono personaggi strutturati, fotografi professionisti con polposi staff al loro servizio, che fanno del microstock un lavoro a tempo pieno e, nel loro caso, la parola guadagni è consona.

    Ho iniziato questa esperienza in un momento difficile della mia vita e in modo del tutto amatoriale, pur avendo, come è normale, qualche speranza, ma non credo che la situazione possa migliorare...

    Ho visitato il tuo blog e ho letto qualcosa, ma mi riprometto di visitarlo con più calma e leggere altri post.

    Ciao

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails